Terre del Conero





In questa sezione troverete tante curiosità e approfondimenti sul nostro territorio, sulle sue tradizioni alimentari, sul mangiar sano e semplici ricette per gustare al meglio i nostri prodotti.

Le specie vegetali spontanee di interesse alimentare del Parco del Conero

Il territorio del Parco del Conero è caratterizzato da un gran numero di specie vegetali spontanee da secoli utilizzate nella cucina popolare locale.

Per poter valorizzare questa enorme ricchezza naturale del territorio alcune aziende agricole biologiche, la Facoltà di Agraria dell’Università Politecnica delle Marche e l’Ente Parco del Conero stanno collaborando alla realizzazione di un nuovo progetto, il cui principale obiettivo è quello di individuare alcuni prodotti, freschi o trasformati, ottenuti da specie vegetali autoctone della flora spontanea del Parco del Conero. Questi dovranno essere in grado di rappresentare una nuova risorsa economica per le aziende agricole del territorio ed allo stesso tempo favorire la salvaguardia degli habitat seminaturali mediante tecniche sostenibili, l’incremento della qualità ambientale e il miglioramento ecologico dell’agrosistema funzionale all’aumento e alla conservazione della biodiversità.

Troppo spesso, infatti, si osservano produzioni di erbe in aree geografiche non precisate e senza una certificazione delle località di origine del materiale genetico, banalizzando in tal modo il prodotto e rischiando di mettere sul mercato un alimento sostanzialmente diverso da quello di origine spontanea e talvolta ottenuto con l’uso di concimi e prodotti fitosanitari al pari delle coltivazioni convenzionali.

Per tale ragione sono state identificate alcune erbe spontanee caratteristiche del nostro territorio e di particolare interesse per preparazioni culinarie che recuperino e innovino antichi usi e tradizioni popolari. Sono stati inoltre esaminati i processi di sviluppo nelle specifiche aree in cui sono state rilevate le piante per facilitarne la diffusione. Contemporaneamente è stata avviata una raccolta di informazioni sulle tradizioni popolari locali legate agli usi alimentari delle erbe spontanee, sulle problematiche ambientali del territorio agricolo del Parco e sulle potenzialità produttive a livello aziendale. Successivamente saranno esaminate le corrette tecniche di propagazione o coltivazione, raccolta e conservazione.

Un buon esempio di come opera il progetto è offerto dal finocchio marino o paccasassi (Crithmum maritimum), specie tipica delle falesie, che rappresenta una pietanza tipica della Riviera del Conero, soprattutto come accompagnamento al pesce. Dato che la raccolta di questa erba è vietata all’interno del Parco Naturale del Conero e che essa non cresce spontaneamente nei terreni, si è deciso di sperimentarne la coltivazione con metodo biologico, in modo da assicurare un prodotto molto simile a quello spontaneo.

I primi risultati del progetto saranno disponibili nel 2015.



Condividi su:


Terre del Conero Agricoltori per Natura, soc. coop. agr. Via Peschiera 30, 60020 Sirolo (AN) P.IVA 02474980428
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale