Terre del Conero



In questa sezione troverete tutte le ultime notizie relative al mondo della filiera e alle iniziative promosse da Terre del Conero… Siamo sempre al lavoro, seguiteci!

Terre del Conero promuove gli scavi nel sito neolitico di Portonovo

Il 15 settembre 2013 sono ripresi gli scavi nell’area archeologica sopra Portonovo, zona Poggio-Fosso Fontanaccia, dove nel 1990 era stato individuato un insediamento neolitico risalente a 7000 anni fa. Dal 2011 a oggi, grazie a ulteriori rilevazioni condotte da un gruppo di ricercatori dell’Università La Sapienza di Roma, si è riusciti a riportare alla luce, in un’area di circa 200 mq, una struttura composta da 18 forni a cupola con base circolare, scavati lungo il pendio collinare, di diametro variabile e rivestiti di argilla cotta, oltre a residui di cereali, d’orzo, artefatti in ceramica, selci scheggiate, macine, resti umani e animali. Un ritrovamento molto significativo, dato che non si conoscono altri siti con simili concentrazioni di strutture «specializzate» in Europa, e che testimonia un importante salto tecnico e culturale delle prime comunità di agricoltori e allevatori del nostro territorio. La forma dei forni, infatti, richiama quella degli attuali forni per pane e pizza, molto comuni in tutto il Mediterraneo, mentre le analisi effettuate riconducono ad un loro utilizzo per la cottura di alimenti. I reperti archeologici rinvenuti consentono dunque di affermare che i forni siano stati costruiti da comunità di primi agricoltori che coltivavano cereali e leguminose e allevavano animali domestici.

A riprendere gli scavi sono stati dodici archeologi e studiosi, provenienti sempre dall’Università La Sapienza di Roma, ma grazie al fondamentale contributo della cooperativa Terre del Conero e dell’Ente Parco del Conero si è giunti ad un nuovo modello di collaborazione fra pubblico, privato e università: i ricercatori, infatti, hanno potuto contare per un mese sull’ospitalità gratuita di alcune aziende della filiera, investendo così i pochi fondi a disposizione solo per l’allestimento del cantiere di scavo. Alla fine dei lavori l’università si è impegnata a fornire all’Ente Parco del Conero un assaggio di archeologia sperimentale, ovvero una riproduzione dei forni e degli utensili, oltre a materiale didattico per la promozione del territorio.



Condividi su:


Terre del Conero Agricoltori per Natura, soc. coop. agr. Via Peschiera 30, 60020 Sirolo (AN) P.IVA 02474980428
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale