Terre del Conero





In questa sezione troverete tante curiosità e approfondimenti sul nostro territorio, sulle sue tradizioni alimentari, sul mangiar sano e semplici ricette per gustare al meglio i nostri prodotti.

DOC, DOCG e IGT

DOC – Denominazione di Origine Controllata
Il marchio DOP indica i vini contraddistinti da una zona di origine ben precisa e per la cui produzione è necessario rispettare un disciplinare che deve stabilire la denominazione d’origine (ovvero il nome della DOC), la zona di produzione dell’uva, la resa massima per ettaro (d’uva e di vino), le caratteristiche chimico-fisiche e organolettiche del vino, compreso il titolo alcolometrico minimo, le caratteristiche del territorio (dal clima alla tipologia di terreno, ecc.), la composizione dei vigneti, le tecniche di gestione della vigna e di produzione del vino, la modalità con cui vengono svolti gli esami organolettici (eseguiti da apposite commissioni), il periodo minimo di invecchiamento in legno e/o affinamento in bottiglia e l’eventuale imbottigliamento in zone delimitate.

Per approfondimenti:http://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/395

 

DOCG – Denominazione di Origine Controllata e Garantita
È generalmente una restrizione della DOC, per esempio facendo riferimento a una porzione di territorio più ristretta dell’area della DOC e/o a un disciplinare più restrittivo. È quindi un riconoscimento di particolare pregio qualitativo attribuito ad alcuni vini DOC, che saranno sottoposti a controlli più severi, commercializzati in recipienti di capacità inferiore a cinque litri e muniti di un contrassegno dello Stato che ne garantisca l’origine, la qualità, consenta la numerazione delle bottiglie prodotte e certifichi la non manomissione delle bottiglie. Oltre che le condizioni previste per la certificazione DOC è obbligatorio l’imbottigliamento nella zona di produzione ed è una denominazione che può essere attribuita a un vino certificato DOC da almeno cinque anni. Inoltre è previsto un doppio esame, il secondo in fase di imbottigliamento, e in etichetta è obbligatoria l’indicazione dell’annata (tranne che per gli spumanti).

Per approfondimenti: http://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/395

 

IGT – Indicazione Geografica Tipica
L’IGT è una sigla che indica vini prodotti in determinate regioni o aree geografiche generalmente ampie e definite da un disciplinare produttivo poco restrittivo. È utile per conoscere la zona di produzione del vino, ottenuto da una determinata uva proveniente da territori ben definiti. Tale qualifica, comunque, non obbliga i viticoltori ad apporre in etichetta altre menzioni, come per esempio la vigna di provenienza. È quindi una classificazione che si colloca a un livello inferiore rispetto ai DOC e DOCG, ma è comunque un marchio che separa i vini senza indicazione geografica da quelli con indicazione.

Per approfondimenti:
http://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/395


Condividi su:


Terre del Conero Agricoltori per Natura, soc. coop. agr. Via Peschiera 30, 60020 Sirolo (AN) P.IVA 02474980428
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale